Vortice protagonista del Progetto europeo H2020 Infinite

donnaoggifacebook_728x90

La metà di tutte le case nella maggior parte dei Paesi dell’UE è stata costruita prima del 1970 ed è antecedente ai primi Regolamenti termici. Si è reso quindi necessario, per gran parte del parco immobiliare dell’UE, un sensibile miglioramento dell’efficienza energetica dell’involucro edilizio: gli edifici sono infatti scarsamente isolati e consumano una notevole quantità di energia per il riscaldamento e il raffreddamento. Secondo un recente studio della Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento europeo, dovremmo rinnovare almeno il 3% del parco immobiliare ogni anno per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici sulle nostre città e raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione per il 2050.

Il progetto europeo H2020 INFINITE nasce proprio per questo scopo: aumentare il grado di efficienza degli edifici esistenti.

H2020 INFINITE è il futuro della ristrutturazione degli edifici. Le tecnologie di involucro industrializzato all-in-one consentiranno di aumentare le prestazioni energetiche e la durata di vita di un edificio, riducendo al contempo tempi e costi del processo di retrofitting. INFINITE si affida all’approccio “Renovation4.0” che coniuga digitalizzazione e industrializzazione per offrire soluzioni di alta qualità, su misura, sostenibili e destinate a durare. H2020 INFINITE libererà il potenziale di mercato della prefabbricazione nel settore delle costruzioni e aprirà la strada alla de carbonizzazione del parco edilizio europeo.
Partito nel novembre 2020, con completamento previsto entro aprile 2025, H2020 INFINITE (Industrialised durable building envelope retroFitting by all-IN-one Interconnected Technology solutions) apre la strada alla decarbonizzazione del parco immobiliare dell’UE favorendo l’adozione di kit di involucro industrializzati all-in-one da parte del mercato.
I kit consistono in telai modulari in legno che possono ospitare componenti tecnologici per offrire soluzioni su misura: oltre al rivestimento e alla parte isolante, per esempio, potranno supportare pannelli fotovoltaici, potranno essere integrati con elementi di ventilazione e di condizionamento per la parte calda e fredda.

Grazie a H2020 INFINITE si introduce dunque il concetto di ristrutturazione 4.0, ovvero un binomio tra industrializzazione e digitalizzazione che permetterà di ridurre tempi e costi nella riqualificazione edilizia, con attenzione alla prospettiva del ciclo di vita e alla progettazione per il montaggio e lo smontaggio, compreso il valore residuo di fine vita nonché i rifiuti di costruzione e demolizione.
In questo modo si otterranno grandissimi vantaggi anche in termini di riqualificazione del patrimonio edilizio. VORTICE è uno dei 19 partner coinvolti nel Progetto coordinato da Eurac Research, centro di ricerca con sede a Bolzano.

Gli edifici gemelli italiani sono unità abitative plurifamiliari di proprietà di un unico proprietario e costruite nel 1978 e nel 1979 a Greve in Chianti, Toscana. Gli edifici comprendono 4 unità abitative ciascuna per un totale di 8 abitazioni. Questo caso di studio è particolarmente adatto per testare l’approccio di H2020 INFINITE perché gli edifici gemelli (struttura in cemento armato in acciaio con muratura in mattoni e presenza di balconi che rendono più difficile la prefabbricazione) consentono di confrontare le prestazioni energetiche prima e dopo la ristrutturazione.

KIT TECNOLOGICI in corso di sperimentazione sono composti da:
• Kit distribuzione energia e aria di rinnovo (MVU VORTICE)
• Kit finestra intelligente (vetri intelligenti)
• Kit per la generazione di energia
• Kit di trasformazione energia solare in energia elettrica
• Kit di trasformazione energia solare in energia termica
• Sistema di controllo remoto.

Un sistema progettato per fornire aria di rinnovo, riscaldamento e raffreddamento alle abitazioni, attraverso l’integrazione dei seguenti componenti tecnici nei moduli della facciata degli edifici:

– unità di Ventilazione Meccanica (MVU) con recupero di calore e batteria idronica per il riscaldamento e raffrescamento dell’aria;
– condotti dell’aria con entrate/uscite canalizzate per l’aria di rinnovo/di scarico e per il trasferimento di energia all’edificio.
– tubazioni dell’acqua collegate a una pompa di calore centralizzata;
– sensoristica di controllo.

L’apparecchio è collegato a diverse aree dell’appartamento attraverso condotti d’aria che corrono nei moduli prefabbricati della facciata. L’energia necessaria per il riscaldamento e il raffrescamento è generata da una pompa di calore centralizzata che può essere posizionata sul tetto o in altri locali tecnici ed è collegata a ciascuna unità di ventilazione decentralizzata tramite tubazioni dell’acqua integrate nella facciata. Il sistema regola la quantità di aria e di energia distribuita in funzione delle condizioni interne degli appartamenti.

Forte dell’esperienza acquisita con la partecipazione ad altri Progetti europei quale, ad esempio, CULTURAL- E (Progetto quinquennale che ha definito le linee guida per la costruzione di Edifici Plus Energy, la nuova Classe che supera quella degli Edifici a energia quasi 0) VORTICE, Azienda leader nei settori della Ventilazione residenziale, commerciale e industriale, è fiera di essere stata selezionata come fornitrice di tecnologia italiana del Team di H2020 INFINITE.

arredamentooggifacebook_728x90

Commenta per primo

Lascia un commento