Viganò a Maison & Objet 2022

donnaoggifacebook_728x90

Per la prima volta nella storia aziendale, Viganò & C. annuncia la partecipazione a Maison & Objet (dal 24 al 28 marzo 2022) Hall 6 Stand K72-L71: l’elevata specializzazione ed esperienza industriale nella produzione di arredi per l’ufficio ed il contract si confronta ormai da tempo con l’idea di contaminazione con il lifestyle ed il mondo della decorazione, di cui la fiera parigina è un’occasione irrinunciabile.

Con l’Art Direction firmata Basaglia + Rota Nodari, il brand brianzolo persegue un approccio ad un design sartoriale che bilancia ergonomia ed estetica in collezioni di prodotti che sempre di più piacciono in contesti living e home office, oltre a soddisfare in ambito contract sia gli approcci progettuali più istituzionali che quelli più agili.

Oltre al design essenziale, il comfort e l’attenzione per il dettaglio, sono il colore e la ricerca delle texture tessili gli aspetti su cui si concentra la ricerca di Viganò & C., dimostrando sensibilità alle evoluzioni del gusto che definiscono i trend del mercato.

Così le sedie e poltroncine Milly e Maggy possono essere presenze neutre, declinate nelle tonalità dei grigi, oppure diventare dei focus visivi quando si tingono di colori vivi come il giallo, l’arancio, il rosso, il verde e l’azzurro.

La tipologia della seduta da attesa, trova in Greg una proposta informale, che grazie alla modularità intrepreta lo spazio in maniera creativa ed intelligente.

Degli sgabelli Ted, con la piccola seduta a conchiglia imbottita, si percepisce l’approccio “user friendly”, sia nella versione a pompa regolabile in altezza, sia nella versione fissa con gambe in legno dal sapore nordico. 

La riservatezza di piccoli corner di seduta definiti anche in altezza è l’innovazione del divano componibile George, dove il colore utilizzabile a fasce rafforza l’idea di design.

La libertà totale di gestire in uno spazio d’attesa una seduta funzionale è interpretata dalle isole, micro o macro, Tommy, dove un taglio grafico lungo il perimetro diventa porta riviste, porta tavolino o regge un pannello divisorio fonoassorbente dalla forma perfetta di cerchio.

Oltre ai progetti sopra menzionati tutti disegnati da Basaglia + Rota Nodari, Viganò & C. con la seduta di ORLANDINIDESIGN racconta quanto spazio creativo ci sia ancora per pensare soluzioni da ufficio tecniche: Adele ha un esoscheletro portante ed estetico che incornicia schienali impalpabili in tecnorete o più muscolari ed imbottiti. Due estetiche opposte realizzabili a partire dalla stessa struttura e con lo stesso scopo: la massima ergonomia.

arredamentooggifacebook_728x90

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*