Sgabelli dal design iconico

donnaoggi-instagram

In una congiuntura storica in cui si assiste a un impiego sempre più diffuso di tavoli e banconi alti, soprattutto nel settore della ristorazione, Thonet propone le sue affascinanti soluzioni di design pensate per i bar e i contesti collettivi, ma anche gli ambienti domestici, offrendo un vasto assortimento di high chair e sgabelli capaci di adattarsi a qualsiasi ambiente e di comunicare il fascino intramontabile di una ricca tradizione.

La neonata high chair S 220 H – che riprende il consolidato patrimonio stilistico della versione dining S 220 e dell’iconica 214 – è stata progettata per essereparticolarmente confortevole: la sua forma affusolata e avvitata consente alla scocca di oscillare piacevolmente. Inoltre, il bordo anteriore della sedia è arrotondato per prevenire fastidiosi punti di pressione durante la seduta. Lo sgabello S 220 H garantisce il massimo comfort per lunghi periodi di tempo ed è ideale per allestire in maniera flessibile e dinamica diversi ambienti, in particolare quelli destinati a ristorazione e meeting con banconi e tavoli alti.

Thonet propone la sedia da bar 118 H, disegnata da Sebastian Herkner, che si ispira direttamente all’iconico modello 214. Disponibile con sedile sagomato, canna d’India intrecciata e versione imbottita, la 118 H è dotata di un comodo schienale che assicura il massimo del comfort ed è disponibile in due diverse altezze (65 e 75 cm). La sagoma a ferro di cavallo della seduta si riverbera anche nelle linee delle gambe, che si presentano con due angoli smussati nella parte inferiore e con una forma arrotondata in quella superiore. Queste sedie sono disponibili in faggio naturale, mordenzato e in varianti laccate lucide.

Gli spazi Ho.Re.Ca come quelli residenziali, possono essere arricchiti anche da vere e proprie icone del design come lo sgabello da bar S 32 VH e losgabello da bancone S 32 VHT, basati sul modello iconico cantilever in tubolare d’acciaio S 32 concepito da Marcel Breuer negli anni ’20. Nei due sgabelli, il contrasto tra l’essenzialità del tubolare d’acciaio e gli elementi in legno curvato con la Paglia di Vienna sembra acquistare un nuovo spessore, permettendo alle due varianti di adattarsi facilmente ad ogni genere di contesto collettivo, dalle sale di ritrovo agli ambienti di ufficio, alle reception e, ovviamente, nei ristoranti e nei bar.

donnaoggi-instagram

Commenta per primo

Lascia un commento